Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente Usa Donald Trump (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/CAROLYN KASTER

(sda-ats)

È scontro frontale tra Trump e gli Stati americani, 41 dei quali hanno respinto la richiesta della commissione creata dal presidente per indagare sull'integrità del voto, dopo la sua denuncia che milioni di persone hanno votato illegalmente alle ultime presidenziali.

Lo riferisce la Cnn in base ad una sua indagine tra i 50 Stati Usa.

La richiesta riguarda una serie di dati degli elettori, da quelli anagrafici all'affiliazione partitica, dai precedenti penali alla loro registrazione in altri Stati, dal loro status militare alle elezioni cui hanno partecipato dal 2006.

Trump ha già criticato su Twitter la reazione degli Stati riottosi a collaborare: "Molti Stati si stanno rifiutando di dare informazioni alla illustre commissione sulle frodi elettorali. Cosa stanno tentando di nascondere?".

Ma gran parte degli Stati, compresi molti repubblicani, oppongono le loro leggi nazionali sulla privacy. La commissione creata da Trump è guidata dal vice presidente Mike Pence.

SDA-ATS