Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità degli Stati indiani di Andhra Pradesh e Orissa hanno avviato un piano di emergenza per il trasferimento di oltre 200.000 persone che vivono sul litorale, in previsione dell'arrivo domani di Phailin, un ciclone definito dal Dipartimento di meteorologia indiano "molto forte". Lo riferiscono i media a New Delhi.

Il trasferimento della popolazione in rifugi di emergenza riguarda 140.000 persone in Andhra Pradesh e 64.000 in Orissa.

Phailin si trova attualmente a circa 520-530 chilometri dalle coste indiane. Il ciclone, si legge in un comunicato del Dipartimento meteorologico indiano (Imd), "si muove in direzione nord-ovest ed attraverserà le coste dell'Andhra Pradesh e dell'Orissa fra le località di Kalingapatnam e Paradip verso la sera del 12 ottobre, accompagnato da venti di 210-220 chilometri orari".

In un messaggio alla popolazione il governatore dell'Orissa Naveen Patnaik ha chiesto alla popolazione di "mantenere la calma" perché "tutto è stato previsto per assistere la popolazione".

Con l'utilizzazione di autobus e camion, personale locale ha già trasferito verso l'interno 40.000 persone appartenenti a 40 villaggi di cinque distretti del litorale.

Da parte sua il ministro per la gestione dei disastri, Surya Narayan Patra, ha detto che "almeno altre 100.000 persone saranno portate dalla costa in luoghi sicuri. Non permetteremo a nessuno di restare nelle casupole costruite con materiali poveri".

A causa di Phailin, inoltre, in Orissa sono state abolite tutte le celebrazioni, che solitamente durano cinque giorni, della Durga Puja, in onore della dea Durga.

Intanto funzionari dello Stato di Andhra Pradesh hanno detto alla tv "all news" Headlines Today che almeno 64.000 persone saranno trasferite dai distretti costieri settentrionali verso i rifugi anticiclonici dell'interno. Il ministro della Difesa A.K. Antony ha chiesto alle forze armate di tenersi pronte ad intervenire immediatamente, se necessario, in Andhra Pradesh e Orissa.

Il timore è che Phailin mantenga tutta la forza che dimostra attualmente e che possa ripetere il disastro causato il 29 ottobre 1999 da un "superciclone" che causò in Orissa almeno 7.000 morti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS