Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Undici imputati sono stati riconosciuti colpevoli da un tribunale speciale dell'ondata di attentati su treni affollati che l'11 luglio 2006 causò a Mumbai la morte di quasi 190 persone e il ferimento di altre 820. Le condanne saranno annunciate in un secondo momento.

Le tv e i media online hanno riferito della sentenza con una breaking news, precisando che dei 13 imputati uno solo è stato prosciolto, mentre gli altri sono stati tutti riconosciuti responsabili.

Sette pacchi contenenti potenti esplosivi furono collocati nei vagoni di prima classe di altrettanti treni in movimento e fatti esplodere nell'arco di poco più di dieci minuti.

Nel corso di indagini durate anni, la polizia ha arrestato 13 persone accusandole di essere legate a gruppi terroristici quali Lashkar-e-Taiba e il Movimento islamico degli studenti dell'India (Simi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS