Navigation

India: bruciano 500 baracche bidonville Delhi, nessun ferito

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2012 - 09:11
(Keystone-ATS)

Oltre 500 baracche sono state distrutte in un furioso incendio divampato nella notte in una bidonville nell'est della capitale indiana, New Delhi.

Lo riferisce l'agenzia Ians, precisando che il disastro non ha provocato feriti. Migliaia di persone sono riuscite infatti a fuggire in tempo alle fiamme che hanno divorato in poche ore le loro misere abitazioni.

Lo slum si trova nell'area di Ghazipur, uno dei centri del riciclaggio di rifiuti e dove sorge anche una grande discarica a cielo aperto. Il rogo è stato infatti alimentato da enormi quantità di materiale infiammabile accumulato nelle baracche, di solito usate sia come abitazioni che come laboratori artigianali.

Non si conoscono le cause dell'incendio, avvenuto in piena notte. Sul posto sono giunti una ventina di mezzi dei pompieri che hanno lavorato per un paio di ore prima di controllare l'incendio. Nello stesso slum, uno dei tanti che sorgono nella parte orientale della metropoli, la più popolata, ma anche la più povera, si era già sviluppato un incendio nel 2010 causato da un corto circuito in una linea dell'alta tensione.

Secondo alcune stime, circa la metà dei 15 milioni di abitanti di New Delhi vive in bidonville, in ripari di fortuna o in quartieri abusivi privi di servizi e in condizioni di pauroso degrado ambientale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?