Navigation

India: Delhi di nuovo senza respiro, scuole chiuse per smog

L'inquinamento dell'aria a Nuova Delhi continua a essere un problema (foto rappresentativa) KEYSTONE/AP/MANISH SWARUP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2019 - 12:11
(Keystone-ATS)

Scuole chiuse oggi e domani e traffico a targhe alterne, molto probabilmente prolungato oltre il 15 novembre: sono le ultime, poco promettenti misure, decise dall'amministrazione di Delhi dopo il nuovo aumento dell'inquinamento.

Lo smog è infatti tornato da ieri a livelli che sfiorano l'emergenza, intorno ai 460 AQI di media.

Tra le varie altre misure suggerite ieri dalla Corte Suprema ai responsabili del governo centrale, l'installazione di gigantesche torri anti-smog, per inumidire l'atmosfera e tenere al suolo le polveri, sull'esempio di quelle già in uso in Cina, nella provincia di Shaanxi; e l'introduzione di mezzi pubblici alimentati ad idrogeno.

Ma gli esperti, che continuano a discutere dell'emergenza su tutti i media, sottolineano che si tratterebbe comunque di misure di emergenza e futuristiche, che non affronterebbero il problema, con il necessario approccio integrato, e a lungo termine, che tenga conto della molteplicità di fattori che causano l'inquinamento dell'aria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.