Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un gruppo di autorevoli esponenti del partito di governo indiano BJP saranno processati per i tumulti induisti che portarono nel 1992 alla demolizione della moschea Babri a Ayodhya, nello Stato di Uttar Pradesh. Lo scrive oggi l'agenzia di stampa PTI.

La Corte Suprema ha infatti dato il via libera alla denuncia frutto delle indagini della polizia criminale (CBI) e ristabilito l'accusa di associazione per delinquere nei confronti degli imputati. Fra di essi L.K. Advani, M.M. Joshi, Uma Bharti e Kalyan Singh, il quale però essendo attualmente governatore del Rajasthan gode di immunità e potrà essere processato solo alla fine del suo mandato.

I giudici del massimo tribunale indiano hanno stabilito che il processo dovrà cominciare entro quattro settimane e "concludersi entro due anni". E che per questo tutti i procedimenti che esistono in altri tribunali dovranno essere trasferiti a Lucknow, capitale dell'Uttar Pradesh. Qui le udienze si svolgeranno "con frequenza quotidiana" e "senza possibilità di rinvii".

Secondo la mitologia indù, nel luogo dove sorgeva la Babri Masjid, costruita dal generale islamico Moghul Mir Baqi e distrutta il 6 dicembre 1992 da una folla inferocita di decine di migliaia di persone che avevano partecipato ad un comizio di dirigenti del BJP ora rinviati a giudizio, nacque Rama, 7/o Avatar del dio Vishnu.

A quella distruzione seguirono molti mesi di disordini fra indù e musulmani che portarono alla morte di almeno 2000 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS