Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo indiano ha ordinato il blocco di oltre 850 website pornografici, tra cui i maggiori siti 'a luci rossè scatenando un'ondata di proteste sui social network. Lo riferisce oggi The Economic Times.

Il dipartimento delle Telecomunicazioni ha inviato venerdì sera una circolare ai maggiori fornitori di servizi internet, come Airtel e Vodafone, con una lista di 857 siti da oscurare. Tuttavia, fa notare la fonte, soltanto pochi operatori hanno attuato la disposizione e quindi molti popolari siti 'hot' sono ancora accessibili.

Alcuni ritengono che la pornografia online sia tra le cause dell'aumento di violenze sessuali in India. La censura è stata ordinata in base all'articolo 69A della legge indiana sull'Information Technology (IT Act) che conferisce al governo ampi poteri sul controllo di internet. La disposizione è stata molto contestata perchè violerebbe i diritti costituzionali della libertà di pensiero.

Agli inizi di luglio la Corte Suprema indiana aveva respinto il blocco dei siti pornografici avanzato in un ricorso di un avvocato in quanto violava le libertà individuali dell'articolo 21 della Costituzione.(ANSA)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS