Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 13 persone sono morte dopo aver presumibilmente ingerito un liquore adulterato nello Stato nord-orientale indiano di Bihar, dove vige una radicale proibizione nella vendita di alcolici. Lo riferisce oggi il quotidiano The Hindu.

In un servizio di prima pagina il giornale indica che le morti a catena sono avvenute fra lavoratori giornalieri e piccoli commercianti di strada nel distretto di Gopalganj, ricoverati in ospedale con forti dolori di stomaco e vomito.

Un magistrato ha disposto una autopsia per tutte le vittime in modo da accertare le cause del decesso, visto che le autorità amministrative locali insistono nel negare che possa trattarsi di morte dovuta all'alcol spurio.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS