Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un neonato di 15 mesi è morto dopo essere caduto dalle braccia della madre durante uno stupro nello stato dell'Uttar Pradesh, nel nord dell'India. Lo riferisce oggi in prima pagina The Indian Express.

Il caso è avvenuto lunedì sera nel villaggio di Shishgarh, a circa 50 km dalla città di Bareilly. La donna di 28 anni era alla stazione del bus e stava aspettando l'autobus per tornare a casa quando è stata avvicinata da un conducente e dal suo aiutante. I due uomini l'hanno costretta a salire su un mezzo parcheggiato dove, secondo la sua denuncia, sarebbe stata stuprata. Ma mentre resisteva all'aggressione, il bimbo è caduto dalle sue braccia ed è morto.

In seguito alla denuncia della donna, la polizia ha arrestato il conducente e il suo assistente con l'accusa di stupro e omicidio colposo. Nel frattempo, riferisce un responsabile della polizia, la donna è stata sottoposta a esami medici per accertare la violenza sessuale.

La vittima, sposata con un manovale, aveva lasciato la sua casa di Rampur alcuni giorni fa per andare a trovare la sorella e per far visitare il neonato da un medico tradizionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS