Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In maggio l'indice dei responsabili degli acquisti dell'industria svizzera (Purchasing Managers' Index - PMI) è diminuito di 3,3 punti rispetto al mese precedente, portandosi a quota 52,5, il livello più basso dal giugno 2013. In maggio l'indice era salito di 1,4 punti a 55,8.

Il mese scorso l'industria elvetica ha seguito l'evoluzione globale, perdendo visibilmente dinamismo, rileva in un comunicato il Credit Suisse, i cui economisti interpretano i dati raccolti mensilmente in un sondaggio dall'associazione di categoria Procure.ch. Il sottoindice "Produzione" ha rallentato attestandosi a quota 56,0 (-2,1 punti), quello degli "Ordinativi in portafoglio" ha perso 8,9 punti, scendendo a quota 50,8, ossia appena sopra la soglia di crescita.

Nel contempo le società hanno effettuato minori acquisti, con il relativo sottoindice calato di 10,1 punti a 46,6 punti, e hanno assunto poco personale: il segmento "Occupazione" è salito di appena 0,7 punti a 50,8 punti. Ciò segnala un certo scetticismo in riferimento all'andamento futuro, rilevano gli esperti.

La debole progressione dei tempi di consegna ai fornitori e le giacenze quasi invariate indicano inoltre che le capacità vengono sfruttate normalmente e che le società non hanno alcuno stimolo diretto a estenderle.

Solo l'attesa riaccelerazione dell'economia mondiale dovrebbe fornire nuovo slancio all'industria svizzera. Ciononostante le incertezze sul piano politico (in particolare in seguito all'iniziativa contro l'immigrazione di massa e alla Riforma III dell'imposizione delle imprese) andranno certamente a limitare il potenziale di crescita, ritengono gli economisti.

SDA-ATS