Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Indice bolla immobiliare cala leggermente nel terzo trimestre, UBS (foto d'archivio).

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

L'indice della bolla immobiliare calcolato dagli esperti di UBS resta nella zona rischio, anche se è sceso leggermente nel terzo trimestre del 2017 a 1,38 punti contro 1,41 punti nel secondo trimestre (cifra corretta).

È quanto precisano oggi gli economisti del principale istituto finanziario svizzero.

Hanno contribuito a questo calo la leggera diminuzione dei prezzi delle abitazioni di proprietà (-1,4% al netto dell'inflazione) e l'indebolimento della crescita del debito ipotecario rispetto ai trimestri precedenti. Anche la domanda di investimenti buy-to-let (quindi a scopo d'investimento) ha segnato una lieve flessione.

Tuttavia, la debole crescita economica e il calo dei canoni di locazione hanno impedito una riduzione più marcata degli squilibri sul mercato delle abitazioni di proprietà. Inoltre, la domanda di investimenti buy-to-let si è contratta marginalmente, ma "rimane ancora a un livello non sostenibile sul lungo periodo", mettono in guardia gli analisti.

Ormai da fine 2012, la quota di richieste di credito per appartamenti destinati a locazione oscilla tra il 18 e il 20 percento. Un'eventuale crisi economica o un notevole aumento dei tassi potrebbero colpire più duramente questo segmento rispetto al mercato residenziale, rilevano gli esperti UBS.

Per il prossimo anno, in generale si delinea un'accelerazione della crescita economica e quindi un aumento dei redditi. Inoltre, entro la fine del 2018, i tassi a lungo termine non dovrebbero aumentare se non di poco, mantenendo ancora solida la domanda di abitazioni di proprietà a uso proprio e a fini d'investimento.

Non tutte le regioni del Paese si trovano nella stessa situazione davanti al rischio di una bolla immobiliare. Quelle più esposte sono Losanna, Vevey e Basilea-città, come pure le regioni di Zurigo, Zugo e Lucerna. Il Ticino non presenta zone critiche. Nei Grigioni due aree - l'Alta Engadina e Davos - sono inserite fra quelle con correzioni di prezzo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS