Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono ancora 80 i dispersi del naufragio di un traghetto indonesiano avvenuto sabato sera al largo dell'isola di Sulawesi.

Lo hanno riferito le autorità dell'arcipelago, dopo che nella prima giornata di ricerche i soccorritori hanno recuperato 39 sopravvissuti e i corpi di tre vittime. Per i rimanenti dispersi, a ormai quasi 48 ore dal naufragio, le speranze di ritrovarli in vita sono sempre più deboli.

Il traghetto, che trasportava 110 passeggeri - tra cui 14 bambini - e 12 membri dell'equipaggio, ha iniziato a imbarcare acqua a causa di onde altre tre metri quando era 21 chilometri al largo di Siwa, la sua destinazione finale dopo sei ore di viaggio.

L'imbarcazione è affondata poche ore dopo, e i passeggeri sopravvissuti - molti dei quali trovati con addosso il giubbotto di sicurezza - hanno raccontato che a bordo c'era solo una scialuppa di salvataggio.

Alle ricerche partecipa una squadra coadiuvata da navi della Marina, un aereo militare e un elicottero. In Indonesia, un arcipelago di 250 milioni di abitanti composto da 17 mila isole, i traghetti sono una modalità di trasporto indispensabile. Tuttavia, molti di essi violano le più elementari norme di sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS