Navigation

Industria aerea sta bruciando 300'000 dollari al minuto

La pandemia sta mettendo a dura prova il settore dell'aviazione. KEYSTONE/AP Yonhap/SUH MYOUNG-GEON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2020 - 17:00
(Keystone-ATS)

L'industria del trasporto aereo brucerà 77 miliardi di dollari durante la seconda metà del 2020, quasi 13 miliardi di dollari al mese o 300'000 dollari al minuto. L' allarme arriva dall'Associazione internazionale del traffico aereo (Iata).

"La lenta ripresa dei viaggi aerei vedrà l'industria aerea continuare a bruciare denaro contante a un tasso medio compreso tra 5 e 6 miliardi di dollari al mese nel 2021", afferma la Iata in una nota. L'organizzazione invita "i governi a sostenere l'industria durante la prossima stagione invernale con ulteriori misure di soccorso, compreso un aiuto finanziario che non aggiunga più debito al bilancio già fortemente indebitato del settore"

Ad oggi, i governi di tutto il mondo hanno fornito 160 miliardi di dollari di sostegno, inclusi aiuti diretti, sussidi salariali, sgravi fiscali per le società e sgravi fiscali specifici del settore, comprese le tasse sul carburante.

"Siamo grati per questo sostegno" dichiara Alexandre de Juniac, Ceo della Iata, ma "la crisi è più profonda e più lunga di quanto chiunque di noi avrebbe potuto immaginare; i programmi di supporto iniziali si stanno esaurendo e se non vengono sostituiti o estesi, le conseguenze per un settore già zoppicante saranno disastrose ".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.