Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le vendite di farmaci in Svizzera sono progredite lo scorso anno del 2,2%, a 5,08 miliardi di franchi, contro lo 0,9% del 2011. Secondo uno studio condotto dall'Istituto IMS Health, nei prossimi tre anni la crescita nel settore sarà però debole (attorno allo 0,2%), a causa del calo dei prezzi dei medicinali voluto dal Consiglio federale. Lo hanno indicato oggi a Berna alla stampa le associazioni farmaceutiche Interpharma e vips.

Il governo la scorsa primavera ha rivisto le modalità di paragone tra i prezzi dei farmaci elvetici e quelli esteri. Il raffronto di prodotti equivalenti di marche differenti è stato limitato, sottolineano le due associazioni: esso avverrà solo qualora il preparato svizzero non sia disponibile nel paese di paragone, cosa piuttosto rara. Queste nuove regolamentazioni hanno già comportato un consistente calo dei prezzi, constatano Interpharma e vips.

Il numero di imballaggi venduti in Svizzera nel 2012 è aumentato dello 0,8% a 207,6 milioni di unità. I farmaci generici hanno registrato una crescita superiore alla media: +11,7%, a 548 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS