Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un 2016 con un fatturato a crescita zero, l'industria grafica elvetica nel primo trimestre dell'anno fa segnare un nuovo calo delle vendite, del 4,1%.

Il settore soffre della forza del franco, ma più in generale del fatto che i volumi stampati sono in costante diminuzione, si legge in una nota diramata oggi.

Per Thomas Gsponer, direttore dell'associazione di categoria Viscom, citato nel comunicato, i primi tre mesi dell'anno rispecchiano il trend in atto ormai da tempo. Dalla profonda recessione del 2009, il settore non si è più risollevato. Le cause sono molteplici: quelle principali sono una modifica strutturale del ramo, con una forte crescita delle comunicazioni on line che si riflette in una contrazione di quelle su carta, e la robustezza della valuta nazionale.

Interrogato dall'ats, Gsponer ha indicato che l'organico del settore in tre anni è diminuito di 5000 unità (a 15'000 a fine 2016).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS