Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEUCHÂTEL - In aprile, l'indice nazionale dei prezzi al consumo è progredito dello 0,9% rispetto a marzo, portandosi a 104,7 punti (dicembre 2005 = 100). Il mese precedente era stata registrata una progressione dello 0,1% rispetto a febbraio.
L'aumento, di natura stagionale, riflette il ritorno ai prezzi regolari nel settore dell'abbigliamento alla fine dei saldi, spiega l'Ufficio federale di statistica (UST). Su base annua il rincaro è risultato, come il mese precedente, dell'1,4%, soprattutto a causa dei maggiori costi per energia e carburanti (+16,8).
Oltre a un forte incremento dei prezzi di "indumenti e calzature" (+17,6%), nel giro di un mese si è constatato una progressione per i gruppi "bevande alcoliche e tabacchi" (+3,2%), "sanità" (+0,4%), "trasporti" (+0,4%), "abitazione ed energia" (+0,3%), "comunicazioni" (+0,1%) come pure "prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,1%).
Hanno registrato un calo invece gli indici dei gruppi "tempo libero e cultura" (-0,7%) e "mobili, articoli e servizi per la casa" (-0,2%). Sono rimasti praticamente invariati i gruppi "altri beni e servizi" nonché "ristoranti e alberghi". Non è stata effettuata alcuna rilevazione per il gruppo "insegnamento".

SDA-ATS