Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'iniziativa popolare "Per un equo finanziamento dei trasporti", detta anche "della vacca da mungere" passerà con ogni probabilità il test delle urne. Il testo - formulato dalla destra e da lobby stradali - ha formalmente raggiunto il numero di firme necessarie: delle 114'254 depositate, 113'306 sono risultate valide, ha indicato oggi la Cancelleria federale.

Basta mungere gli automobilisti! sostengono i promotori dell'iniziativa. Questa vuole utilizzare per le strade tutto l'importo dell'imposta sugli oli minerali (3 miliardi di franchi nel 2012), esclusi i carburanti per i velivoli.

L'iniziativa è stata promossa da un comitato interpartitico di destra e dall'Associazione svizzera degli importatori di automobili: il testo chiede la modifica dell'articolo 86 della Costituzione federale, che regola l'imposta di consumo sui carburanti e le tasse sul traffico. Attualmente il 50% dell'imposta sugli oli minerali affluisce nella cassa generale della Confederazione. L'iniziativa esige invece che la totalità del prodotto dell'imposta sia investito nel traffico stradale.

L'iniziativa si prefigge un secondo obiettivo: rafforzare i diritti di partecipazione democratica: l'introduzione, o l'aumento, di tasse nel settore stradale dovrebbero essere sottoposti a referendum facoltativo.

SDA-ATS