Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il comitato interpartitico "No all'iniziativa sulle armi inutile e ingannevole" ha lanciato oggi a Berna la sua compagna in vista della votazione federale del prossimo 13 febbraio. Secondo vari rappresentanti dei partiti borghesi, l'iniziativa non risolve i veri problemi, ovvero l'uso abusivo e il traffico illegale di armi.
"Le misure preconizzate fanno aleggiare un sospetto generalizzato su tutti i soldati, i tiratori e i cacciatori contestando collettivamente la loro capacità di maneggiare le armi in modo responsabile", hanno deplorato esponenti di PPD, PLR, PBD e UDC. Hanno pertanto raccomandato con fermezza di respingere l'iniziativa popolare "Per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi".
La legislazione svizzera relativa alle armi da fuoco è già severa, hanno aggiunto i membri del comitato. Oggi le armi automatiche sono già vietate. Quanto ai fucili a pompa, sono sottoposti ad autorizzazione. Inoltre, il traffico illegale di armi non sarebbe affatto toccato da questa iniziativa.
Il comitato ha infine denunciato i costi "esorbitanti" dell'attuazione dell'iniziativa. Secondo il Consiglio federale, applicare l'iniziativa costerebbe 6,4 milioni di franchi, ai quali occorre aggiungere 11,2 milioni l'anno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS