Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Se si fosse votato il 4 gennaio, l'iniziativa popolare "per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi" avrebbe probabilmente raccolto una debole maggioranza di consensi.
Con un margine d'errore di tre punti percentuali, il 52% delle persone interrogate dall'Istituto di ricerche gfs.berna su mandato di SRG SSR approvava il testo, contro il 39% che lo respingeva. Il 9% dei consultati non aveva un'opinione definitiva.
Oltre all'opposizione classica tra destra e sinistra, il tema divide nettamente le donne (maggioritariamente favorevoli) e gli uomini (tendenzialmente contrari). L'esito della consultazione è assolutamente incerto.
A cinque settimane dalla votazione, la proporzione di elettori che già ha un'opinione è superiore alla media stabilita da gfs.berna alla vigilia delle votazioni passate. Gli indecisi e la mobilitazione dell'elettorato generata dalla campagna non permettono però di prevederne l'esito, scrive l'Istituto, pur ricordando che generalmente il consenso per le iniziative popolari cala durante la campagna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS