Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non passa l'iniziativa del PPD "Per il matrimonio e la famiglia, no agli svantaggi per la coppie sposate". La maggioranza dei cantoni ha detto di sì, ma il popolo, di misura (50,8% di voti) l'ha bocciata.

Si sono dovuti attendere i risultati dei cantoni Zurigo, Vaud, Ginevra e Berna per avere l'esito finale, ma già a metà pomeriggio l'istituto gfs.bern del politologo Claude Longchamp aveva avvertito: il testo sarà bocciato con il 50,5% dei voti. Alla fine la percentuale dei no è stata del 50,8%.

I cantoni contrari sono stati otto: Appenzello Esterno, Grigioni, Basilea Campagna, Basilea Città, Zurigo, Vaud, Ginevra e Berna.

Il Ticino ha detto di sì con 77'876 voti (54,72%), il Grigioni ha detto di no con 40'535 (50,58%) schede.

Non è giusto, secondo l'iniziativa, che diverse migliaia di coppie sposate paghino più imposte e ricevano una pensione inferiore a quella dei concubini. Per le coppie sposate, infatti, i redditi - da lavoro e patrimonio - vengono sommati, e quindi tassati di più. Nonostante le riforme degli ultimi anni decise a livello cantonale, circa 80 mila coppie sposate formate da coniugi che lavorano e con un reddito totale elevato devono all'erario federale una somma maggiore rispetto ai concubini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS