Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - L'iniziativa popolare "per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi" gode attualmente del favore della maggioranza della popolazione, o perlomeno di chi ha già deciso come votare il prossimo 13 febbraio.
Stando a un sondaggio condotto dall'istituto Isopublic la proposta di modifica costituzionale che intende bandire le armi d'ordinanza dalle abitazioni private raccoglie infatti il 45% dei consensi, contro un 34% di pareri contrari. La quota degli indecisi, pari al 21%, è comunque ancora elevata.
Il rilevamento demoscopico effettuato su mandato del "SonntagsBlick" mette in luce una forte differenza di opinioni fra i sessi: tra le donne il sì è al 52% (contro un 24% di no), mentre presso gli uomini l'iniziativa viene respinta, sebbene di misura (39% sì, 42% no).
Una differenza analoga si registra anche fra città (50 sì, 29% no) e campagna (35% sì, 45% no). Al sondaggio hanno partecipato 1004 persone interrogate fra il 5 e l'8 gennaio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS