Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un gruppo di genitori grigionesi non intende accettare la sentenza del Tribunale federale (TF) che impedisce ai loro figli di seguire le lezioni scolastiche in uno dei cinque idiomi romanci locali e li obbliga a continuare la formazione nella lingua "artificiale", il rumantsch grischun. Una loro rappresentante ha annunciato oggi che un ricorso in tal senso sarà inoltrato alla Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

Dal 2007, il governo retico ha avviato un progetto pilota con il rumantsch grischun quale lingua scolastica. La partecipazione all'esperimento di numerosi comuni della Val Monastero e della Surselva ha tuttavia suscitato numerose proteste e resistenze.

Nel 2011, ai comuni interessati è quindi stata data la possibilità di abbandonare l'idioma "artificiale" e di introdurre di nuovo nelle scuole la variante romancia locale. Ma a una condizione: il cambio da una lingua all'altra può avvenire solo all'inizio della prima elementare. I ragazzi che hanno iniziato la formazione con il rumantsch grischun devono proseguirla con questa lingua.

Nel luglio scorso, il TF ha respinto, come già in precedenza il Tribunale cantonale, un ricorso di numerosi genitori che si sentivano discriminati. I giudici di Losanna sono giunti alla conclusione che la libertà linguistica iscritta nella Costituzione non dà il diritto di pretendere che l'insegnamento scolastico venga impartito in una delle cinque varianti romance locali.

Solo il rumantsch grischun è riconosciuto come lingua nazionale, ma non le sue singole varietà regionali tuttora parlate nei Grigioni. Nemmeno la costituzione grigionese va oltre queste disposizioni. Secondo il TF, la continuazione degli studi in rumantsch grischun non significa che i ragazzi interessati siano vittime di discriminazioni e di disparità giuridiche.

Nel 2008, Strasburgo si era già interessata alla sorte delle lingue minoritarie in Svizzera. In quell'occasione, il Consiglio d'Europa aveva raccomandato l'utilizzo del rumantsch grischun - la lingua standard "inventata" 30 anni or sono quale sintesi delle cinque varianti locali - nelle scuole e nell'amministrazione, in modo da "favorire la protezione e la promozione del romancio in quanto lingua viva".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS