Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli attacchi di criminali informatici che hanno colpito in questi ultimi giorni New York Times, Wall Street Journal, Washington Post e Twitter non sono isolati e c'è da aspettarsi che presto ci saranno altre vittime. O quanto meno che altre società ammetteranno di essere state colpite.

È quanto sostengono ricercatori ed esperti della sicurezza online. Lo stesso direttore della sicurezza di Twitter, Bob Lord, ha sottolineato venerdì che l'attacco al microblog, da parte di cyber-criminali "estremamente sofisticati", non era un fatto isolato perchè "altre società e organizzazioni avevano subito simili violazioni".

Aziende grandi e piccole sul web sono costantemente sotto attacco, sottolinea l'analista Sean Sullivan della finlandese F-Security, ma raramente se ne ha notizia per tutta una serie di motivi che possono andare dalla necessità di non ostacolare le indagini in corso fino alla possibilità, non remota, che la violazione non sia stata individuata.

A quanto pare lo stesso New York Times ha scoperto l'attacco solo alcuni mesi dopo che era cominciato. E venerdì scorso anche il Washington Post ha ammesso che la sua rete era stata violata da un anno o più. Ma solo dopo che ne aveva dato notizia un suo ex redattore, Brian Krebs, che attualmente cura un blog sulla sicurezza.

Secondo Sullivan, rendere noto di essere stati vittima di un attacco informatico sta diventando "motivo d'onore" tra i media Usa dopo le ammissioni dei 3 gruppi editoriali e Twitter. "Credo che stiamo per assistere a tutta una serie di annunci di questo genere, dato che le società stanno cominciando a fare controlli più accurati" e prendono misure di sicurezza maggiori, ha spiegato ad All Things Digital il consulente per la sicurezza informatica Ashkan Soltani.

Inoltre, secondo Soltani, bisogna tener conto dell'effetto "gregge": l'annuncio da parte di grandi società di essere vittima di cyber-criminali "rende più facile l'ammissione alle aziende più o piccole". Secondo l'esperto, però, "la questione non è scoprire o meno la violazione della sicurezza, ma avere i mezzi e l'esperienza per farlo".

Tutti e tre i grandi quotidiani Usa "si sono rivolti a società esterne di sicurezza" per contrastare l'azione degli hacker. Per quanto riguarda New York Times, Wall Street Journal e Washington Post, il dito è puntato contro gli hacker cinesi, a partire dal Times che ha individuato l'inizio dell'attacco con la pubblicazione di un articolo, il 25 ottobre scorso, sulla famiglia del premier cinese Wen Jiabao.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS