Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - YouTube, il servizio di condivisione video di Google, ha iniziato a offrire la sottotitolazione automatica dei filmati pubblicati. La traduzione dei sottotitoli sarà in cinquanta lingue, anche se per il momento la generazione automatica avviene solamente in inglese.
I primi esperimenti - fanno notare i siti informatici - mostrano che la precisione non è totale e che compaiono errori o imperfezioni. Nonostante questo, la funzione è ottima per avere almeno l'idea di quello che viene detto nel filmato e risulterà utilissima per alcuni disabili oltre che per fruire di YouTube in luoghi molto affollati o che impongono il silenzio. Il proprietario del video sottotitolato potrà scaricare i sottotitoli e se crede correggerli, per reinviarli a YouTube perfetti.
Il principale vantaggio proclamato da Google - si legge on line - è anche quello di rendere il servizio accessibile ai non udenti e a coloro che stanno cercando di imparare l'inglese. "La parte fondamentale del Dna di YouTube è l'accessibilità al contenuto", ha infatti spiegato il product manager Hunter Walk.
Lo sviluppatore software di Google Ken Harrenstien, sordo dalla nascita, ne ha poi sottolineato - come scrive Puntoinformatico - l'importanza, spiegando che ora, grazie al nuovo servizio, potrà andarsi a rivedere quei corsi del MIT che non aveva potuto seguire, "non avendo senso sedere lì e guardare le persone muovere la bocca".
Il servizio è possibile grazie al software di riconoscimento vocale sviluppato da Google e finora testato con alcuni partner (per esempio per i canali di alcune università statunitensi e del National Geographic) e che utilizza alcuni degli algoritmi utilizzati dal Voice Search impiegato da Google nel mobile.
Quella per generare sottotitoli è, peraltro, una tecnologia in sviluppo da molti anni, e che attualmente è ritenuta in stato avanzato ma non ancora perfetta, soprattutto nei casi in cui a non essere perfetta è la traccia audio del filmato. Lo sa, d'altronde, anche Google: "Non è una soluzione completa ma un passo verso la reale soluzione - afferma il Googler Mike Cohen - uno spelling non corretto non è sempre un problema e altre volte è anche divertente".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS