Navigation

Iran, 'noi pronti a scambio di prigionieri con Usa'

L'Iran è pronto a uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti. KEYSTONE/AP/Vahid Salemi sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2020 - 15:10
(Keystone-ATS)

"L'Iran è pronto a discutere di uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti, ma Washington non ci ha ancora risposto a riguardo".

Lo ha sottolineato oggi il portavoce del governo iraniano, Ali Rabiei, aggiungendo che "se gli americani concordano, la sezione per gli interessi iraniani a Washington li informerà in dettaglio sul punto di vista dell'Iran".

Rabiei ha inoltre sottolineato, in un'intervista con Khabaronline, come "sembra che Washington sia più pronta che in passato a porre fine alla questione ed è informata della nostra posizione, non c'è quindi bisogno della mediazione di un altro Paese".

Erano circolate indiscrezioni non confermate riguardo ad un possibile imminente scambio di prigionieri fra Iran e Usa, menzionando l'americano veterano della marina Michael White in prigione in Iran dal 2018, e l'ingegnere iraniano Sirous Asgari, che si trova in una prigione della Louisiana per problemi di immigrazione dopo essere stato scagionato dall'accusa di aver rubato segreti commerciali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.