Navigation

Iran: 6 arresti per abbattimento accidentale dell'aereo ucraino

Omaggio alla vittime davanti al palazzo delle Nazioni Unite a Ginevra KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2020 - 11:23
(Keystone-ATS)

Le autorità iraniane hanno arrestato sei persone in relazione all'abbattimento dovuto a un "errore umano" dell'aereo ucraino lo scorso 8 gennaio sui cieli di Teheran, che provocò al morte di tutte le 176 persone a bordo.

Lo ha annunciato il portavoce della magistratura della Repubblica islamica, Gholamhossein Esmaili, precisando che tre degli arrestati sono poi stati rilasciati su cauzione. Secondo le autorità iraniane, le indagini sull'accaduto sarebbero vicine alla conclusione, ma resta in sospeso la questione delle scatole nere del Boeing 737-800 della Ukraine International Airlines.

Il viceministro degli Esteri iraniano Mohsen Baharvand ha annunciato che né Teheran né Kiev sarebbero in grado di analizzarle, spiegando che il suo governo è disposto a inviarle a una compagnia straniera, a patto che "non ci siano rischi di manipolazioni". In ogni caso, ha aggiunto Baharvand, "non crediamo che l'analisi delle scatole nere aggiungerà niente di speciale alle indagini iraniane".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.