Navigation

Iran: Ahmadinejad scampa a attentato, presidenza nega

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 agosto 2010 - 12:37
(Keystone-ATS)

TEHERAN - Il presidente iraniano, Mahmud Ahmadinejad, è scampato illeso oggi a quello che un sito iraniano ha definito un attentato contro di lui nella città di Hamedan, una versione seccamente smentita da una fonte della presidenza.
Secondo il sito del quotidiano al Khabar una persona ha lanciato una granata contro il convoglio presidenziale, ad un centinaio di metri dall' auto di Ahmadinejad, facendo dei feriti ed è stata arrestata. Ahmadinejad, hanno poi reso noto la tv panaraba Al Arabiya e la libanese Future Tv, era appena arrivato a Hamedan, circa 350 chilometri a ovest di Teheran, per una visita di due giorni.
L'attentato è avvenuto sulla strada che il corteo presidenziale percorreva dall'aeroporto allo stadio Qods, dove poi Ahmadinejad ha tenuto regolarmente il primo discorso previsto durante la visita, trasmesso in diretta dalla televisione e nel quale il presidente non appariva scosso.
Una fonte della presidenza iraniana ha tuttavia smentito all'ANSA che si sia trattato di un attentato: "Vogliono solo avere notizie da scrivere", ha detto la fonte, che ha voluto mantenere l'anonimato. "C'era solo gente contenta che dava il benvenuto al presidente", ha aggiunto la fonte, secondo la quale non di una granata si sarebbe trattato, bensì di "una di quelle cose usano per le accoglienze", lasciando quindi intendere che si sarebbe trattato di un petardo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.