Navigation

Iran: blogger condannato a 19 anni di reclusione

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2010 - 07:39
(Keystone-ATS)

TEHERAN - Uno dei più conosciuti blogger dell'Iran, Hossein Derakhshan, noto come il 'padre del blog', è stato condannato a più 19 anni di reclusione. Lo riporta il sito conservatore Mashreghnews che cita una fonte giudiziaria.
L'irano-canadese, 35 anni, che ha iniziato la rivoluzione dei blog in Iran, è stato riconosciuto colpevole di aver collaborato con "gli Stati Uniti", e di "propaganda contro il sistema islamico", si legge sul sito. Il tribunale lo ha anche riconosciuto colpevole di "promuovere cellule contro-rivoluzionarie e di insultare personalità religiose".
Derakhshan dovrà scontare più di 19 anni di reclusione e per cinque anni non potrà esercitare attività legate ai media. L'agenzia di stampa semi-ufficiale Fars, che cita una fonte giudiziaria, riferisce che la sentenza nei confronti di Derakhshan non è definitiva e che il giovane potrà ricorrere in appello. Le autorità giudiziarie non hanno voluto rilasciare commenti.
Nel 2006 e nel 2007, Derakhshan si era recato, con passaporto canadese, in Israele, nemico giurato della Repubblica islamica che non ne riconosce l'esistenza. Aveva poi descritto il viaggio 'postandò racconti in inglese e in farsi sul suo blog, spiegando che stava cercando di mostrare agli israeliani e agli iraniani una immagine diversa di ciascun Paese. Venne poi arrestato nel novembre del 2008, al suo ritorno da Israele, e rinchiuso nel carcere di Evin, a Teheran dove altri giornalisti irano-canadesi sono stati detenuti in questi ultimi anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?