Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Fidel Castro critica Mahmoud Ahmadinejad esortandolo a smetterla di negare l'Olocausto e a diffamare gli ebrei. In una lunga intervista con Jeffrey Goldberg, della rivista americana 'The Atlantic', il 'lider maximo' sottolinea che gli ebrei "vengono diffamati da oltre duemila anni".
"Credo che nessuno al mondo - osserva Castro - abbia ricevuto lo stesso trattamento riservato agli ebrei. Sono stati attaccati molto più che i musulmani. Sono stati sempre accusati di tutto. Nessuno ha mai addebitato ai musulmani ogni male. Gli ebrei hanno vissuto un'esistenza molto più difficile di qualunque altro. Non c'è niente a confronto dell'Olocausto".
Secondo il padre della rivoluzione cubana, 84 anni appena compiuti, il governo di Teheran servirebbe meglio la causa della pace riconoscendo "l'unicita"' della storia di Israele e provando a capire meglio perchè Israele teme per la sua sopravvivenza. Castro ha quindi raccontato come da piccolo ha scoperto il concetto dell'antisemitismo: "Avevo 5 o 6 anni ed era venerdì santo. Quel giorno sentivo dire che Gesu era morto e che ad ucciderlo erano stati gli ebrei. Pensate quanta era l'ignoranza popolare".
L'Iran dovrebbe capire, ha proseguito Castro, che il popolo ebraico "è stato cacciato dalla sua terra e perseguitato in modo terribile in tutto il mondo per oltre 2000 anni. Sono sopravvissuti grazie alla loro cultura e alla loro religione, due elementi che hanno tenuto loro insieme, uniti come una nazione".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS