Navigation

Iran: deputata, continueremo arricchimento 20%

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 agosto 2010 - 13:12
(Keystone-ATS)

TEHERAN - L'Iran continuerà a produrre uranio arricchito al 20% anche se raggiungerà un accordo con le grandi potenze per importarlo dall'estero. Lo ha affermato la deputata Zohreh Elahian, membro della commissione Affari esteri e Sicurezza nazionale del Parlamento, sottolineando che questa è la richiesta di una legge votata recentemente dall'assemblea.
"Tenuto conto della legge approvata dal Parlamento sulla difesa dei progressi in campo nucleare, nei negoziati nessuna restrizione deve essere imposta alla produzione di combustibile al 20% di arricchimento", ha detto la Elahian, citata dall'agenzia Fars.
Ali Akbar Salehi, il capo dell'Organizzazione iraniana per l'energia atomica, aveva detto venerdì in un'intervista all'agenzia Mehr che Teheran potrebbe decidere di sospendere temporaneamente l'arricchimento al 20% in caso di accordo per l'importazione dall'estero del combustibile necessario per alimentare un reattore con finalità mediche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.