Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un aereo svizzero con a bordo tre degli irano-americani liberati ieri da Teheran è atterrato questa sera a Ginevra. I tre sono poi ripartiti verso una base militare americana in Germania a bordo di un grosso apparecchio statunitense.

Lo ha indicato all'ats un portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae).

I tre sono il giornalista Jason Rezaian, capo dell'ufficio del Washington Post a Teheran, il pastore Saeed Abedini e l'ex marine Amir Hekmati. Sull'aereo arrivato dall'Iran alle 18.04 c'erano anche la madre e la moglie di Jason Rezaian, un rappresentante del Dfae e dei medici, ha indicato il dipartimento a Berna. Un altro dei quattro liberati - l'imprenditore Nosratollah Kosravi - non si è imbarcato sull'aereo per Ginevra, per motivi ignoti.

La Svizzera ha "facilitato" le trattative e la conclusione dell'intesa tra Teheran e Washington, come pure la sua attuazione, svolgendo un ruolo attivo di buoni uffici, ha indicato ancora il dipartimento diretto da Didier Burkhalter.

Un quinto detenuto, lo studente americano Matthew Trevithick, è stato rilasciato ieri a sua volta ma non rientrava nello scambio di prigionieri con Washington.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS