Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Israele chiede che ogni accordo finale con l'Iran includa un chiaro e non ambiguo riconoscimento del diritto di Israele di esistere". Lo ha detto il premier Benjamin Netanyahu riportato dal suo portavoce Mark Regev in un tweet.

"Voglio chiarire una cosa a tutti - ha proseguito il premier. La sopravvivenza di Israele non è negoziabile. Israele non accetta un accordo che consente ad un paese che vuole annientarci di sviluppare armi nucleari".

Netanyahu, a questo proposito, ha ricordato che solo due giorni fa "nel mezzo dei negoziati di Losanna il comandante della forze di sicurezza Basij in Iran ha detto: 'la distruzione di Israele non è negoziabile'".

"Qualcuno ora dice che la sola alternativa a questo cattivo accordo è la guerra. Non è vero. C'è una terza alternativa: restare saldi, aumentare la pressione sull'Iran fino a che sia raggiunto un buono accordo", ha aggiunto il premier israeliano.

"L'accordo non ferma un singolo impianto nucleare in Iran, non distrugge una sola centrifuga e non fermerà lo sviluppo e la ricerca sulle centrifughe avanzate", ha spiegato Netanyahu motivando il rifiuto dell'accordo tra 5+1 e Iran. "Al contrario - ha aggiunto - legittima l'illegale programma nucleare".

L'intesa di Losanna - ha spiegato Netanyahu dopo aver detto che il Consiglio di sicurezza di Israele si è opposto in modo fermo all'accordo - "lascerà l'Iran con in piedi una vasta infrastruttura nucleare. Toglierà le sanzioni quasi immediatamente e questo nel momento stesso in cui l'Iran sta aumentando le sue aggressioni e il terrore nella regione ed oltre".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS