Navigation

Iran: presidente parlamento, oppositori strumento degli USA

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2011 - 08:36
(Keystone-ATS)

Il presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani, ha accusato oggi gli oppositori che ieri sono tornati a scendere a migliaia nelle strade di Teheran e di altre città di essersi fatti "strumenti degli Stati Uniti e del regime sionista", cioè Israele.

Secondo Larijani, che parlava davanti all'assemblea, quella di ieri è stata "un'iniziativa americana, sionista e anti-rivoluzionaria da parte dei sediziosi". Cioè dei leader dell'opposizione, che avevano chiesto il permesso di tenere la manifestazione a sostegno delle rivolte in Egitto e Tunisia. Il discorso di Larijani è stato salutato da grida di 'Morte all'Americà e 'Morte a Israelè levatesi da gruppi di deputati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.