Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente del Parlamento iraniano, Ali Larijani, ha accusato oggi gli oppositori che ieri sono tornati a scendere a migliaia nelle strade di Teheran e di altre città di essersi fatti "strumenti degli Stati Uniti e del regime sionista", cioè Israele.

Secondo Larijani, che parlava davanti all'assemblea, quella di ieri è stata "un'iniziativa americana, sionista e anti-rivoluzionaria da parte dei sediziosi". Cioè dei leader dell'opposizione, che avevano chiesto il permesso di tenere la manifestazione a sostegno delle rivolte in Egitto e Tunisia. Il discorso di Larijani è stato salutato da grida di 'Morte all'Americà e 'Morte a Israelè levatesi da gruppi di deputati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS