Navigation

Iran, pronti a nuovi scambi di prigionieri con gli Usa

Lo scambio di prigionieri avvenuto sabato a Zurigo KEYSTONE/AP Javad Zarif twitter account sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 dicembre 2019 - 12:05
(Keystone-ATS)

L'Iran è pronto a effettuare nuovi scambi di prigionieri con gli Stati Uniti dopo quello di sabato - avvenuto grazie alla mediazione svizzera - ma non a negoziare se non verranno tolte le sanzioni. Lo ha detto il portavoce del governo di Teheran, Ali Rabiei.

"Siamo pronti a cooperare per far ritornare tutti gli iraniani illegalmente imprigionati negli Stati Uniti", ha detto il portavoce.

Sabato, in uno scambio avvenuto a Zurigo con la mediazione della Confederazione, sono stati liberati lo scienziato iraniano Massoud Soleimani, detenuto per oltre un anno in un carcere americano con l'accusa di violazione delle sanzioni, e Xiyue Wang, studioso sino-americano dal 2016 prigioniero a Teheran per sospetto spionaggio.

Tra gli americani ancora nelle prigioni nella Repubblica islamica, molti con doppio passaporto, ci sono il veterano della Marina Michael White, l'imprenditore irano-americano Siamak Namazi e suo padre Bagher Namazi, tutti accusati di spionaggio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.