Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Iran respinge le accuse di non combattere il traffico di esseri umani, contenute in un recente rapporto Usa che lo accomuna in questo al Venezuela e ad altri Paesi in una lista "nera".

Secondo il portavoce del ministero degli Esteri Bahram Qassemi, riportano i media iraniani, si tratta di accuse "prive di fondamento". Qassemi ha anche sottolineato che l'Iran ha sempre contrastato il traffico di esseri umani e che il parlamento ha anche varato una legge in tal senso.

Nei giorni scorsi l'Iran - tramite la sua ambasciata a Kabul - ha anche respinto l'accusa giunta da Human Rigths Watch di arruolare bambini afghani nella guerra in Siria, sottolineando di ospitare il più alto numero di profughi afghani nel mondo (circa 3 milioni, in parte regolarizzati) .

Di afghani è comunque composta la Brigata Faemiyoun organizzata dall'Iran in Siria sotto il comando delle Guardie della rivoluzione. Brigata che, ha riferito l'agenzia semi-ufficiale Tasnim, sta avanzando con successo contro l'Isis e altri gruppi terroristici nella zona di Deir Ez-Zor.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS