Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il confronto sarà "molto difficile". Così il portavoce del capo della diplomazia europea Catherine Asthon, Michael Mann, ha riassunto i termini della trattativa sul nucleare tra Iran e le grandi potenze ripresa oggi a Vienna, che dovrebbe portare alla firma di un accordo complessivo e superare la prima storica intesa raggiunta l'anno scorso a Ginevra.

"Inizieremo a raccogliere elementi che potrebbero costituire i contorni di un accordo", ha spiegato Mann al termine di una prima sessione plenaria, condotta dalla Ashton, in rappresentanza del 5+1 (Usa, Russia, Cina, Regno Unito, Francia e Germania), ed il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif.

Le parti hanno convenuto che le insidie sono numerose e che il successo non è affatto assicurato. Mann ha parlato di discussioni "molto difficili e complicate", un giudizio condiviso da Zarif al suo arrivo a Vienna. Un alto funzionario statunitense, parlando con alcuni giornalisti, ha da parte sua giudicato "totalmente sproporzionato" l'ottimismo sullo stato delle trattative emerso da diversi media.

Lo scorso novembre, dopo anni di stallo e quattro giorni di maratona negoziale, Iran e gruppo 5+1 avevano raggiunto un accordo storico a Ginevra che, da una parte, frenava temporaneamente il programma nucleare iraniano, sospettato di finalità militari, consentendo a Teheran di ottenere alcuni allentamenti delle sanzioni che stavano strangolando la sua economia.

SDA-ATS