Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'operazione militare contro l'Iran non "fermerebbe il programma nucleare iraniano". Lo ha detto ai media israeliani la sottosegretaria di Stato americana Wendy Sherman.

"Un attacco di Israele o degli Usa - ha spiegato - porterebbe soltanto indietro il programma di due anni. Non si può bombardare il loro 'know-how' nucleare, ricostruirebbero tutto. Le alternative ci sono ma la migliore opzione - ha aggiunto - è una soluzione negoziale diplomatica".

Sherman si è detta convinta che sia possibile raggiungere "un accordo completo e dettagliato con l'Iran entro la data limite del 30 giugno". "Pensiamo - ha spiegato - di essere diretti verso un buon accordo. È un accordo perfetto? No. Non ci sono cose tali come un accordo perfetto (...). Non c'è una formula o un'opzione che sarà più effettiva di un'intesa diplomatica: è il punto in cui ci troviamo oggi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS