Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stretta finale per l'accordo sul nucleare iraniano a due giorni dalla scadenza del 31 marzo. L'intesa tra le potenze occidentali e Teheran ancora non sarebbe stata raggiunta a Losanna, ma in queste ore si sta trattando freneticamente.

E ad indicare che si è ad un punto decisivo non sono solo le indiscrezioni di stampa che parlano di un accordo vicino, ma anche il fatto che il segretario di Stato americano John Kerry ha annullato il suo rientro negli Usa per restare a Losanna a trattare. Così come restano i ministri degli Esteri iraniano, tedesco, francese e l'alto rappresentante Ue Federica Mogherini.

Di fronte alle voci che rimbalzano dalla Svizzera, il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha ribadito oggi da Gerusalemme - all'inizio della consueta riunione domenicale del governo - il netto rifiuto di Israele nei confronti di una possibile intesa. L'accordo con l'Iran, ha detto, va oltre le peggiori "paure di Israele". "L'asse Iran-Losanna-Yemen - ha aggiunto Netanyahu - è pericoloso per l'umanità e va fermato".

Numerose fonti a Losanna oggi hanno riferito della volontà delle parti di esplorare i possibili compromessi per arrivare all'accordo, pur ammonendo dal considerare già fatta l'intesa a causa della presenza di alcuni punti morti. Il dipartimento di Stato Usa, motivando la decisione di Kerry di rinviare il suo rientro in patria per partecipare ad un evento dedicato alla memoria del senatore Edward Kennedy, ha invocato lo stato "dei negoziati in corso in Svizzera". Dando così - secondo alcuni commentatori - la possibile dimensione dello stato dei lavori a cui si è giunti nella città elvetica.

Questo non vuol dire, hanno precisato ad Haaretz fonti Usa, che non ci siano ancora divergenze e distanze con l'Iran su alcuni temi particolari. Le distanze riguarderebbero la durata dell'accordo tra i '5+1' e l'Iran (tra gli 11 e i 15 anni, vogliono le potenze mondiali, mentre Teheran punterebbe ad una durata minore); le ricerche e lo sviluppo delle centrifughe iraniane e infine la rimozione delle sanzioni (ovvero se debba essere immediata o graduale).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS