Navigation

Iran: vertice 5+1 a Baghdad; fonti Teheran, colloqui a rischio

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2012 - 11:26
(Keystone-ATS)

Fonti iraniane citate dal'emittente Press Tv hanno avvertito che le prospettive dei colloqui sul nucleare di Teheran "sono vaghe e in dubbio se il gruppo" delle potenze del gruppo 5+1 "respinge il pacchetto iraniano". L'emittente finanziata dallo Stato attribuisce a "fonti vicine alla squadra negoziale dell'Iran" a Baghdad la "breaking news" pubblicata sul suo sito. Sempre secondo Press Tv "i membri del 5+1 sono divisi nel cercare una risposta all'ampio pacchetto" di proposte che Teheran ha offerto.

La semi-governativa agenzia Fars segnala da parte sua che le delegazioni delle sei potenze avrebbero dovuto esprimersi nella sessione serale originariamente prevista alle 18.00 ora locale di ieri ma che poi è slittata a stamattina.

L'agenzia riferisce che le "divergenze" fra i sei (Usa Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna e Germania) "si sono ampliate sull'appropriata reazione all'offerta di cooperazione di Teheran": secondo la Fars, responsabili americani hanno detto di voler intensificare le sanzioni contro l'Iran se respingerà il pacchetto di proposte del gruppo 5+1 mentre il viceministro degli esteri russo Serghiei Riabkov, che guida la delegazione di Mosca, ha ribadito la forte opposizione russa a qualsiasi altra sanzione contro Teheran.

Pur senza citarlo, il quadro prospettato dalla Fars è lo stesso che aveva portato al naufragio della precedente tornata di colloqui sul nucleare fra Iran e il gruppo 5+1, quelli conclusisi senza neanche stilare un'agenda dei lavori dopo le riunioni di Ginevra (dicembre 2010) e Istanbul (gennaio 2011): all'epoca era stato autorevolmente sottolineato che le sei potenze non erano state in grado di concordare una linea e che l'Iran non aveva voluto neanche parlare del suo programma nucleare.

Anche un anonimo responsabile iraniano citato dall'agenzia Afp a Baghdad ha detto ieri sera che "non hanno risposto alle nostre risposte e volevano avere più tempo per consultazioni interne" mentre "noi abbiamo risposto a tutti i punti della proposta del gruppo 5+1".

Un anonimo responsabile iraniano ha inoltre detto stamattina che per Teheran non ci sono ancora le condizioni per indire un nuovo round di colloqui.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?