Navigation

Iraq: 115 bambini uccisi in attentati da inizio anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ottobre 2013 - 17:38
(Keystone-ATS)

Sono 115 i bambini uccisi e 486 quelli feriti in Iraq in attentati dall'inizio dell'anno, secondo dati resi noti dal ministero per i Diritti umani, mentre i livelli di violenza crescono nel Paese. Solo nel mese di settembre, secondo un bilancio dell'Onu, 979 persone hanno perso la vita.

A partire da due anni fa il numero di bambini rimasti vittime di attentati è andato aumentando. "Nel 2011 - ha sottolineato Kamil Amin, portavoce del ministero - quelli uccisi erano stati 96 e 320 i feriti, mentre nel 2012 il numero era salito a 158 morti e 850 feriti".

Ma a sconvolgere le vite dei bambini iracheni non sono solo gli atti di violenza di cui sono vittime dirette, bensì anche quelli che colpiscono i loro genitori, lasciandoli senza famiglia e protezione e costringendoli spesso a lasciare la scuola e a lavorare.

La situazione, afferma Intissar al Jubury, membro della commissione parlamentare per la famiglia, "richiede l'approvazione di specifiche leggi, come previsto dalla Costituzione, per garantire la protezione e i diritti dei bambini".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo