Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dal 23 maggio, 85'000 famiglie sono fuggite dalla città irachena di Fallujah e dall'area circostante, nel governatorato di Anbar, di cui circa 40'000 sono bambini. Lo afferma l'Unicef.

La maggior parte delle persone - afferma in una nota il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef) - sono in fuga verso i campi di Khaldiya, Habbaniyah Tourist City e Ameriyat Al Fallujah. Il campo più grande è quello di Ameriyat Al Fallujah, 40 chilometri a ovest di Baghdad, dove ci sono circa 45'000 persone. Altre famiglie vivono nell'area con i propri parenti.

"L'Unicef è preoccupato per i severi controlli di sicurezza e la detenzione di circa 8200 ragazzi, oltre 1200 dei quali potrebbero essere minorenni, mentre altri potrebbero avere circa quattordici anni. Molte donne che sono state lasciate sole a badare alle proprie famiglie sono molto stressate e non sanno quando o se rivedranno ancora i propri mariti e figli.

Per gli operatori dell'Unicef - prosegue la nota - i campi sono sovraffollati, i bambini rimangono fuori esposti al caldo torrido, mentre crescono le tensioni riguardo alle risorse come rifugi, cibo e acqua. Le strutture e i servizi esistenti presso i campi sono al limite.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS