Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 33 persone sono rimaste uccise oggi in attentati e attacchi armati in Iraq. L'agenzia Nina riferisce che nell'episodio più grave 25 civili sono stati uccisi e 35 feriti in un doppio attentato suicida contro un villaggio della minoranza etno-religiosa degli Shabak a est di Mosul.

I due kamikaze si sono fatti saltare in aria nel villaggio di Muwafaqiya, abitato in maggioranza da una popolazione Shabak.

Dieci soldati sono invece stati uccisi e 14 feriti in un assalto a un deposito di munizioni dell'esercito compiuto da insorti che indossavano divise militari. Altri sette soldati sono morti e tre sono rimasti feriti in combattimenti a ovest di Mosul con miliziani dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis), affiliato ad Al Qaida.

Intanto le autorità hanno fornito un bilancio aggiornato di 17 morti e 45 feriti degli scontri avvenuti ieri a Samarra, una delle città simbolo degli sciiti, dove miliziani dell'Isis sono entrati e si sono impadroniti per alcune ore di cinque quartieri. Secondo le stesse fonti i morti tra i ribelli sono stati 11, mentre 9 sono stati catturati.

SDA-ATS