Almeno 38 persone sono morte oggi in un attentato kamikaze contro un autobus a bordo del quale si trovavano dei pellegrini sciiti in viaggio verso Samarra, nord di Baghdad. Decine di persone sono rimaste ferite, riferiscono fonti ospedaliere e della sicurezza.

Almeno sei morti, di cui tre poliziotti, e una settantina di feriti sono il bilancio di tre attentati con autobomba compiuti stamani a Kirkuk, nel nord dell'Iraq. Una prima auto è esplosa nei pressi di una sede del Partito democratico del Kurdistan (Pdk), guidato dal leader Massud Barzani, nella parte occidentale dell'importante centro petrolifero 240 km a nord di Baghdad. In rapida successione, le altre due autobomba sono state fatte detonare di fronte alla sede del partito dei turcomanni, minoranza etnica fortemente rappresentata a Kirkuk, e nei pressi di un deposito poco distante.

Intanto le autorità irachene hanno esumato 153 cadaveri sepolti in una zona alla periferia di Baquba, a circa 60 km a nord-est di Baghdad. Secondo una fonte militare ed un leader tribale locale si tratterebbe di combattenti di al-Qaida. L'area era sotto il controllo di al Qaida nel periodo 2005-2007, fino a quando le forze americane e irachene non lanciarono un'offensiva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.