Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BAGHDAD - All'indomani della sospensione dei colloqui per la formazione dell'atteso nuovo governo iracheno, almeno una cinquantina di persone sono state uccise stamani e oltre cento ferite a Baghdad in uno dei più gravi attentati delle ultime settimane. Fonti ospedaliere riferiscono di 59 uccisi e di circa 120 feriti, mentre fonti governative parlano di un bilancio provvisorio di 47 morti e 77 feriti.
Secondo le prime ricostruzioni, un kamikaze con indosso un giubbetto esplosivo è riuscito a eludere le rigide misure di sicurezza e a entrare nella piazza antistante l'edificio dell'ex ministero della difesa, nel centro cittadino, dove ora ha sede il quartier generale dell'11/ma divisione dell'esercito.
L'attentato è avvenuto intorno alle ore 7.30 (le 5.30 in Svizzera), proprio quando si stavano radunando in piazza circa 250 reclute, pronte a unirsi ai reparti dell'esercito nazionale in vista della riduzione a 50.000 unità delle forze militari Usa nel Paese entro la fine del mese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS