Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Peshmerga curdi festeggiano i risultati del recente referendum sull'indipendenza.

KEYSTONE/EPA/GAILAN HAJI

(sda-ats)

Il vice presidente della regione autonoma del Kurdistan, Kosrat Rasul, ha ordinato il dispiegamento di almeno 6000 miliziani Peshmerga nella provincia petrolifera di Kirkuk, contesa con il governo centrale. Lo riferisce il sito della televisione curda irachena Rudaw.

Il dispiegamento fa seguito a quelle che Rasul ha definito come "minacce" di un possibile attacco delle forze governative centrali. Ma ieri il governo di Baghdad aveva smentito di volere compiere una tale offensiva.

"Ci sono minacce da parte dell'esercito iracheno che è stato schierato vicino a Kirkuk, apparentemente per compiere un attacco, ma non credo che sarà facile per loro fare questo", ha affermato Rasul.

"Non vogliamo la guerra e cerchiamo di risolvere i problemi attraverso il dialogo", ha aggiunto il vice presidente.

Le tensioni sono forti tra il governo centrale e quello della regione autonoma del Kurdistan dopo la tenuta, il 25 settembre, di un referendum sull'indipendenza curda.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS