Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine mostra alcuni soldati del governo siriano alle porte della città di Palmira, in Siria centrale (foto d'archivio).

Keystone/AP SANA/UNCREDITED

(sda-ats)

L'Isis ha seppellito vivi 35 suoi militanti, colpevoli di essere fuggiti durante una battaglia contro l'esercito iracheno sulla piana di Ninive. La notizia, diffusa da media iracheni, è stata rilanciata oggi dalla televisione iraniana PressTv.

La punizione di massa sarebbe avvenuta alla periferia di Qayyarah, cittadina a circa 60 chilometri da Mosul dove gli uomini del Califfato hanno la loro roccaforte in Iraq.

I miliziani seppelliti vivi nella sabbia erano scappati dal villaggio di Bashir, a 20 chilometri da Kirkuk, lasciando che venisse riconquistato, lo scorso primo maggio, da battaglioni sciiti. Non è la prima volta - riferisce PressTv - che l'Isis trucida in maniera spietata i suoi seguaci più riluttanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS