Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BAGHDAD - Il 2009 è stato l'anno con meno vittime civili in Iraq dal 2003, secondo le autorità irachene e la ONG Iraq Body Count. Sul numero preciso dei morti tuttavia non c'è accordo: 2.800 per le autorità, 4.500 per l'organizzazione non governativa.
Entrambe le fonti concordano che nell'anno appena trascorso il bilancio delle vittime civili è stato fortemente peggiorato dai gravi attentati di dicembre.
I ministeri iracheni della Sanità, dell'Interno e della Difesa parlano di 306 civili uccisi nel dicembre 2009, oltre a 48 poliziotti, 13 soldati e 46 ribelli. Il numero delle vittime è triplo rispetto ai 122 del novembre 2009, che era stato il mese meno sanguinoso nel paese dal 2003.
La ong Iraq Body Count (che tiene il conto delle vittime degli scontri nel paese) parla invece di 4.497 civili uccisi nel 2009, meno della metà dei 9.226 del 2008.
L'anno appena passato è stato anche il meno tragico per i soldati americani: i caduti sono stati 150, contro 314 nel 2008 e 904 nel 2007. I militari americani morti in Iraq dal 2003 sono stati 4.371, secondo il sito indipendente icasualties.org.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS