Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le forze irachene hanno rotto l'assedio di Amerli, riuscendo ad entrare nella città sciita turcomanna. L'assedio della città era stato imposto dal 18 giugno dallo Stato islamico, ha detto il generale Qassem Atta, portavoce dei servizi di sicurezza.

All'operazione hanno preso parte congiuntamente l'esercito iracheno e migliaia fra miliziani sciiti e curdi, con la copertura degli aerei dell'aviazione di Baghdad ma anche di jet Usa. L'operazione è stata uno dei primi successi dell'Iraq nel suo tentativo di respingere i jihadisti dell'Isis, che hanno hanno occupato ampie fasce di territorio dall'inizio di giugno e che tengono anche vaste regioni in Siria.

Gli abitanti di Amerli, per lo più sciiti turcomanni, hanno sofferto la mancanza di cibo e acqua durante l'assedio e hanno temuto di essere uccisi. L'Onu aveva anche messo in guardia contro il rischio di un "massacro".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS