Navigation

Iraq: sale a 31 morti e 1000 feriti bilancio disordini per proteste

Non si placano le proteste. KEYSTONE/AP/HADI MIZBAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2019 - 08:15
(Keystone-ATS)

Sale a 31 morti e oltre mille feriti il bilancio degli ultimi tre giorni di scontri tra forze di sicurezza e manifestanti nell'Iraq centro-meridionale nel contesto delle proteste popolari per il carovita. Lo riferiscono media panarabi e iracheni.

Tra le persone rimaste uccise ci sono 29 civili, tra cui un bambino e numerosi manifestanti e attivisti, nonché due poliziotti. Le città meridionali di Nassiriya e Amara sono i teatri degli scontri più sanguinosi.

Oggi, giorno della tradizionale preghiera collettiva islamica del venerdì, si attendono nuovi raduni e cortei di protesta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.