Navigation

Iraq: sale bilancio attacco Iran a base Usa, 50 i feriti

I i soldati Usa feriti in Iraq sono molti più di quanto annunciato inizialmente dopo l'attacco da parte dell'Iran a inizio gennaio (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA/bjw sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2020 - 07:58
(Keystone-ATS)

È ulteriormente aumentato il bilancio dell'attacco iraniano contro una base statunitense in Iraq avvenuto a inizio di gennaio, al culmine delle tensioni tra Teheran e Washington. Lo rivelano nuovi dati pubblicati ieri sera dal Pentagono.

In totale 50 soldati americani, 16 in più di quanto annunciato la scorsa settimana, sono stati vittime di commozioni cerebrali in seguito al raid contro la base aerea di Ain al-Assad, ha dichiarato in un comunicato stampa il ministero della Difesa americano.

Tra questi, secondo la stessa fonte, 31 sono stati curati sul posto e hanno già reintegrato le loro unità, mentre 18 sono stati evacuati in un ospedale militare americano in Germania e un altro in Kuwait.

Il presidente statunitense Donald Trump affermò in un discorso televisivo all'indomani dell'attacco iraniano che nessun americano era stato ferito. Teheran lanciò missili contro due basi Usa nella notte tra il 7 e l'8 gennaio in rappresaglia per la morte del generale iraniano Qassem Soleimani, ucciso in un raid americano mirato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.